Trapani. Arrestati malviventi per rapine e molestie

poliziaE-300x137

Trapani. Nel corso dei servizi di controllo del territorio disposti dal Questore della provincia di Trapani, Dott. Carmine Esposito, sono stati assicurati alla giustizia più malviventi responsabili, a vario titolo, di aver commesso recentemente varie azioni criminose. Il 9 Giugno 2014, nel quartiere San Alberto, veniva rapinato un anziano signore che dopo essere stato avvicinato da un  malvivente, è statao da quest’ultimo bloccato con particolare violenza e successivamente derubato di un bracciale d’oro che portava al polso. A seguito delle indagini condotte dagli uomini della volante, grazie alla testimonianza di più soggetti che si trovavano sulla scena del crimine, è stato possibile individuare l’autovettura utilizzata dai malviventi per darsi alla fuga nonché i tratti fisico-somatici degli autori del reato, il rapinatore era infatti accompagnato da un altro malvivente che lo attendeva a bordo della sua auto per darsi alla fuga una volta consumata la rapina. L’11 Giugno viene identificato uno dei due rapinatori D. R., pregiudicato classe ’94 che è stato deferito alla competente A.G. per il reato di rapina in concorso con altro soggetto in corso di identificazione.Nella notte tra il 10 e l’11 Giugno, veniva derubato un chiosco adibito alla vendita di panini in zona Piazza Stazione. Gli autori sono statai identificati dal personale della volante in attività, si tratta di R.G. classe 75 e L. A. classe 84 entrambi pluri-pregiudicati. In data 6 Maggio 2014 è stata raccolta la denuncia di una donna che lamentava continui disturbi da parte di un uomo che, innamoratosi della donna in questione, non esitava a molestarla e pedinarla. A seguito di riscontro oggettivi in merito a quanto denunviato dalla vittima, la Procura della Repubblica di Trapani referiva il reo. L’11 Giugno è stato ottunuto dal P.M. assegnatario del procedimento, il provvedimento della misura cautelare del predetto soggetto che consiste nel divieto di avvicinamento alla donna e alla sua famiglia.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>