Ammanco di sei milioni di euro nella Diocesi di Mazara, arriva la smentita

mogavero

Di Giulia Giacalone

Arrivata la nota di smentita in merito  al presunto asserito buco di circa 6 milioni di euro della Diocesi di Mazara del Vallo  guidata dal vescovo Domenico Mogavero.
“Nel bilancio – si legge nella nota – è inserito l’importo di 4.402.604 che costituisce l’ammontare di due mutui, rispettivamente un mutuo chirografario di 3.692.360 presso Banca Prossima e di 728.144 euro per mutuo ipotecario presso Banca Unicredit. Si tratta di un finanziamento erogato da istituti bancari e non di un “buco” finanziario. Se così fosse si sarebbe dovuto registrare un equivalente ammanco di risorse. I due mutui contratti sono serviti a rinegoziare un precedente mutuo erogato da Banca Intesa tra il 2006 e il 2008 e per aggiornamenti dei prezzi nei cantieri di costruzione delle tre nuove chiese: Matrice di Pantelleria, San Lorenzo in Mazara del Vallo e San Giuseppe in Gibellina”.
In merito alla costruzione di tre nuove chiese, l’Ufficio diocesano per la comunicazione sociale mette in risalto che “la deliberazione relativa alla loro costruzione è stata adottata anteriormente all’inizio del ministero episcopale di monsignor Domenico Mogavero, il quale ha solo portato a compimento quanto già deciso localmente e finanziato dai competenti organi della Cei”. “La Cei – continua il comunicato – coi fondi dell’8 per mille destinati in sede nazionale alla nuova edilizia di culto – ha finanziato anche i lavori d’abbattimento della vecchia chiesa. L’intera costruzione della chiesa a Pantelleria è costata 5.195.900 euro, di cui a carico della Diocesi 1.946.290,39 euro”.
Riguardo all’incontro tra  monsignor Mogavero e Papa Francesco, la Diocesi precisa che “tale incontro è avvenuto dietro richiesta del vescovo presentata al Santo Padre nel mese di febbraio e che l’incontro è stato fissato, per il 6 giugno, nello scorso mese di marzo. Non sussiste, dunque, nessuna connessione tra i due fatti”.
Sulla vicenda il vescovo Mogavero ha dichiarato: “Sottoporrò all’esame di un esperto contabile da me nominato la documentazione dell’ultimo quinquennio al fine di verificare la gestione economico-finanziaria della Diocesi e l’accertamento di eventuali responsabilità”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>