Castellammare del Golfo, gli ospiti dello Sprar ripuliscono la cala marina e la “marinella”

«Ringraziamo gli ospiti dello Sprar di Balata di Baida che hanno ripulito in questi giorni la cala marina e la zona dietro piazzale Stenditoio. Con entusiasmo ed impegno hanno contribuito a mantenere pulita la nostra città dimostrando senso di appartenenza e rispetto del territorio e del bene comune». 

Lo afferma il sindaco Nicola Rizzo dopo la pulizia della spiaggia della cala marina e della zona dietro il castello indicata come “marinella, da parte degli ospiti della struttura di Balata di Baida del Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati, grazie ad una borsa lavoro che li impegna per alcune ore al giorno.  

«Gli ospiti dello Sprar hanno offerto il loro tempo per ripulire le frequentate zone cittadine,  lavorando in un clima amichevole e di collaborazione che favorisce l’inclusione sociale e contrasta l’emarginazione -sottolinea il sindaco Nicola Rizzo-. Le persone accolte negli Sprar non devono essere beneficiarie passive di interventi, ma protagoniste attive del percorso di accoglienza ed inclusione. Siamo soddisfatti di averli resi partecipi contribuendo a migliorare la nostra città con la pulizia effettuata e dal canto loro i ragazzi sono contenti di sentirsi utili alla collettività con senso di condivisione ed appartenenza».

 

Il sindaco Nicola Rizzo prosegue affermando che sono in corso «altri servizi aggiuntivi di pulizia della città che riguardano le zone periferiche» e rilancia l’appello ai concittadini «ad incentivare ed effettuare correttamente la raccolta differenziata dei rifiuti e a contribuire a mantenere pulita la città, patrimonio di tutti che -conclude il sindaco Nicola Rizzo- abbiamo il dovere di tutelare e rispettare»

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>