Giacomo Tranchida ringrazia la città di Trapani. Stasera prima giunta “ufficiosa” in attesa della proclamazione

«Trapani ha finalmente un sindaco dopo un anno di commissariamento che ha pesato come un macigno». Giacomo Tranchida commenta così il successo alle elezioni amministrative di domenica 10 giugno. «I cittadini trapanesi si sono espressi dandomi una dose di fiducia che mi lusinga, andando al di là di ogni più rosea aspettativa. Di tanto ringrazio doppiamente, atteso che sono stato “adottato” pur non essendo un residente».

«Oltre a tanta spazzatura che offusca la bellezza della città, raccolgo un’eredità difficile, e me ne rendo conto – prosegue -, ma abbiamo un po’ di esperienza e la necessaria dose di energia per confrontarci coi problemi in cui versa la città di Trapani, e per provare a risolverli. La rinascita di Trapani e i nostri giovani saranno il faro dell’azione amministrativa: meritano le soluzioni, le risposte e il rispetto che negli ultimi tempi non hanno avuto. E meritano, soprattutto, di tornare a sorridere come d’altronde tutti i trapanesi».

Stasera, alle 19, intanto, si terrà la prima Giunta “ufficiosa” e, a seguire, alle 21, ci sarà la prima riunione con la maggioranza consiliare (19 consiglieri su 24). «Ci riuniremo in sede ufficiosa, atteso che ancora non mi è stata notificata la proclamazione – spiega Giacomo Tranchida -. Delibereremo e pianificheremo le prime azioni programmatiche e politiche, compresa la pianificazione degli incontri con i cittadini trapanesi per ringraziarli nel fine settimana. Durante gli stessi rappresenteremo le prime azioni da intraprendersi per cambiare verso e restituire bellezza a Trapani che vogliamo capitale delle culture nello scenario euromediterraneo».

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>